imposta di bollo su conto corrente

I conti correnti, siano bancari o postali e gestiti da finanziarie od assicurazioni, sono soggetti ad imposta di bollo.

Con il cosiddetto decreto ‘salva-Italia’ del Governo Monti (decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 convertito con modifiche in  Legge 22 dicembre 2011 n.214, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 27 dicembre 2011)sono state apportate delle novità sia nell’applicazione che negli importi.

- Dal 2012 sono soggetti all’imposta di bollo anche i libretti di risparmio o deposito;

- Sono esenti dall’imposta di bollo conti correnti e libretti  intestati a persone fisiche con giacenza media annua fino a 5.000 euro . La soglia di esenzione è relativa al singolo rapporto finanziario e se se posseggono più conti non se ne devono sommare i singoli saldi;

- Per i conti correnti o libretti di risparmio intestati a persone fisiche  con saldo medio superiore ai 5.000 euro l’imposta annuale di bollo è pari a 34,20 Euro. (invariato rispetto al 2011)

- L’imposta di bollo per conti correnti o libretti intestati a persone giuridiche (società) è invece di 100,00 Euro all’anno. (Nel 2011 era di € 73,80)

L’addebito può essere annuale, trimestrale  o mensile ma alla fine si paga tutti nella stessa misura .
La suddivisione mensile/trimestrale/annuale è a discrezione della banca.

Se legato al conto corrente si possiede un dossier titoli (azioni,obbligazioni,titoli di stato ecc.) si paga un ulteriore bollo.

Fino al 2011 l’imposta era pari a quella del conto corrente. Quindi con eventuale conto corrente più dossier titoli si arrivava a pagare annualmente € 34,20 + 34,20 = 68,40 Euro per le persone fisiche ed € 147,60 per le giuridiche .

Con la manovra finanziaria del Governo Berlusconi l’imposta sui titoli è stata resa progressiva in relazione al valore del deposito titoli. Per chi possiede una giacenza di valore inferiore ai 50.000 euro non ci saranno variazioni e viene confermato il bollo di 34,20 euro.

fino al 31/12/2012

  • tra 50.000 e 150.000€  bollo di 70€
  • tra 150.000 e 500.000€ bollo di 240€
  • oltre 500.000 bollo di 680€

dal 01/01/2013

  • tra 50.000 e 150.000€ bollo di 230€
  • tra 150.000 e 500.000€ bollo di 780€
  • oltre 500.000 bollo di ben 1100€

Anche i Conti Correnti dichiarati come gratuiti, senza spese, sono soggetti ad una imposta di bollo. Infatti essendo un’imposta dello Stato, per cui la banca riscuote da voi ma fa solo da tramite per riversarli allo Stato, i bolli non sono conteggiati come costo del conto corrente.

Esistono comunque banche, per sempre o per particolari condizioni, che si sobbarcano il costo dell’imposta di bollo e non fanno pagare nulla al cliente. Da verificare però se nelle condizioni generali queste spese non siano sostituite da altre e quindi se c’è la convenienza. Ad esempio ci possono essere minori interessi o maggiori costi di gestione.

Se il conto corrente è aperto anche 1 solo giorno nel mese, viene fatta pagare l’imposta di bollo per il mese intero.

Non prendiamocela con le banche … La colpa è dell’imposta di bollo e del Decreto 642/72  e successive modifiche.





Puoi commentare senza un account con il form in fondo alla pagina

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

20 risposte a imposta di bollo su conto corrente

  1. Conti Correnti scrive:

    L’imposta di bollo è quella che pesa sulle tasche di tutti noi …

  2. VALE scrive:

    Ci mancava solo questa! ora pure quei pochi ma sudati risparmi ci toccano, manca poco e andiamo a vivere sotto i ponti e loro faranno la bella vita con i solti che ci hanno rubato. Almeno i pochi soldi che ci sono rimasti potevano lasciarceli.

  3. gianfranco scrive:

    Sono batoste vergognose: tassare le pensioni che da anni si muovono con un recupero di 1,50/2,00 E. al mese; la prima casa; le detrazioni del 19% già ridotte
    dal 25% sono state portate al 15%; i fondi di investimento anch’essi tassati come i cc senza contare l’interesse da fame che procucevano.
    Allora che dire di tutti i politici che hanno due,tre, quattro pensioni il mese e che pensioni…il topo Amato ne ha tre per esempio; il livornese Ciampi ne ha tre o quattro e tanti altri….vergognatevi tutti.
    Comunque tanti italiani come il sottoscritto si è già coperto ritirando i risparmi
    dalla sua banca e ora provvederà a ritirare anche quei pochi poveri fondi d’ivestimento e così si attaccheranno al c….Buon Anno.

  4. Enrico scrive:

    Vorrei una delucidazione su Imposta.
    La mia banca fino al 31/12/2011 mi tratteneva un’imposta di bollo di otto euro circa ogni tre mesi.
    Con la nuova finanziaria Monti, l’imposta di 34,20 euro e’ una nuova imposta oppure e’ intesa quella gia’ esistente ?
    Grazie

    • admin scrive:

      Si, è sempre la stessa imposta di bollo sul conto corrente, con delle novità:
      – sono esentati i conti con giacenza media fino a 5.000 euro
      – l’imposta per il conto corrente intestato a persone giuridiche passa da 73,8 a 100 euro l’anno.

  5. Pingback: Segnala sul tuo sito,blog,facebook,twitter la protesta contro la marca da bollo | NOmarcadabollo.it

  6. antonio scrive:

    Una domanda: è molto chiaro il fatto che il conto corrente con una giacenza media inferiore a € 5.000 non pagherà il bollo; ma se al conto corrente è legato un conto deposito, che nel 2011 non pagava il bollo, con più di € 5000 vincolati, che succede?

  7. zioelvis scrive:

    Il decreto del mef che dovrebbe dettagliare le modalità di attuazione dell’ articolo 19 della legge “salva Italia” e’ già stato pubblicato?

    Se ho il cc con estratto conto mensile ed addebito bolli mensile, cosa succede se il primo mese ho una giacenza media inferiore 5000 ed il mese successivo ho una giacenza media bimestrale superiore a 5000? Mi addebitano il bollo x i 2 estratti conto? e se il terzo mese ho una giacenza trimestrale inferiore ai 50000? Mi sfornano l’ ultimo addebito bolli?

    • admin scrive:

      No, le modalità di attuazione non sono state ancora pubblicate.
      Intanto la mia banca ha portato l’addebito del bollo da mensile ad annuale attraverso una modifica unilaterale del contratto.

  8. Pam scrive:

    Buonasera, al 31/12/11 la banca mi ha trattenuto 35 euro per deposito amministrato(decreto berlusconi) su un risparmio di 85mila euro.
    Mi chiedo se è stato emanato nell’ agosto 2011, fino a dicembre sono cinque mesi non sei, quindi non dovrebbe essere 70euro diviso 2 (sei mesi) è giusto?
    come si calcola?
    grazie

  9. SANDRA scrive:

    ho letto il vs. articolo che reputo interessante. Non capisco però perchè altri siti dicono che l’imposta di bollo sui depositi amministrati sono stati portati allo 0,1% nel 2012 e allo 0,15% nel 2013, mentre voi sopra avete riportato gli scaglioni. Mi spiegate per favore come funziona??=

  10. Diego scrive:

    Se può essere utile, segnalo un articolo sull’imposta di bollo per il conto di deposito, con un elenco aggiornato della posizione ufficiale delle varie banche in merito a chi (banca o cliente) debba pagare la nuova tassa: http://www.comerisparmio.net/governo-monti-bollo-conto-deposito/

  11. Jacopo scrive:

    Salve, vorrei una delucidazione circa l’interessante articolo: l’esenzione dalle spese di bollo per c/c con giacenza inferiore ai 5.000 euroè entrata in vigore? Ho chiuso un mio vecchio conto ai rprimi di marzo ma la banca mi ha addebitato tre mesi di bolli (i canonici 9 euro circa). Il conto però, sia in quei tre mesi che nel 2011 ha avuto una giacenza media inferiore ai 5.000 euro. Sono quelli della banca che fanno i furbi o si è in attesa delle norme attuative e per questo la cosa è bloccata?

  12. Michel scrive:

    Salve, dunque ho rapporti presso Poste (c/c p BP – c/c p BPC – lp CDP…) se ho ben compreso il decreto salva-italia, sul libretto posso tenere al massimo 4’900,00€ e non avrò l’applicazione dell’imposta di bollo (dopo 2 mesi nessuna comunicazione in merito) mentre sui correnti ordinario e virtuale mi basta rimanere con saldo massimale di 4’000,00€ così con le possibili operazioni la giacenza media rimane sotto i 5’000,00€ e dunque anche lì niente più imposta di bollo da 8,55€ trimestrale (34,20€ annuale). Per quanto concerne il costo di gestione presente solo sull’ordinario di 30,99€ annui, permane a determinate condizioni ed in alternativa è soppresso, oppure è solo per i pensionati questa agevolazione se la pensione è al di sotto dell’emolumento mensile di 1’500,00? Al call centre sanno le cose sempre in modo arretrato e un tanto al kilo e con non collimano con le informazioni degli agenti commerciali dell’ufficio postale.

  13. Conto corrente scrive:

    A voler essere critici con le ultime disposizioni del Governo Monti direi – a parte il quadro ben descritto in questo post- che la cosa peggiore è l’imposta di bollo sui conti deposito che andrà a gravare maggiormente sui piccoli risparmiatori. Infatti il limite massimo di imposizione è pari a 1200 €. Ciò vuol dire che un piccolo risparmiatore viene sempre e comunque tassato nella stessa misura, mentre un grande risparmiatore che investisse in conti deposito godrebbe del tetto massimo riducendo così, in termini relativi, l’imposta.

  14. paolo scrive:

    Come si fa a calcolare la giacenza media annua?
    Se il conto e cointestato?

    • admin scrive:

      Il conto è comunque uno solo ed il saldo quindi è uno solo. Non comporta nulla che sia cointestato.
      Comunque il decreto attuativo che ufficializza il metodo di calcolo non è ancora uscito.

  15. marco scrive:

    purtroppo la BANCA POPOLARE DI VICENZA mi ha fatto pagare l’imposta di bollo anche se il mio conto corrente è molto al di sotto di 5000 euro. ho provato ad informarmi ma nessuno mi risponde. in sede continuano a fare scarica barile. mi stanno facendo correre e perdere un casino di tempo

Puoi commentare senza un account con il form in fondo alla pagina

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>