Una nuova marca: per i servizi dell’Agenzia delle Entrate creata la marca servizi

Abolire la marca da bollo? No, creiamone una nuova, per i pagamenti dovuti all’Agenzia delle Entrate.

Pagare i servizi con la marca da bollo è faticoso, induce ad errori, si deve pagare da una parte (tabacchino) per avere il servizio altrove (ufficio pubblico), comporta dei costi di gestione per lo Stato. Eppure ancora una  volta è la scelta della Pubblica Amministrazione.

Lo scopo della nuova marca servizi, in vigore obbligatorio dal 01 gennaio 2018, è l’abolizione dei pagamenti in contanti. Il problema ci può essere. Ma la soluzione non doveva essere la marca da bollo, ma l’uso di pagamenti digitali (paypal, hype,satispay oltre a carte di credito e bancomat).

Così infatti stabiliva il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 28 giugno (in attuazione dell’articolo 7-quater, comma 36, del Dl 193/2016) con il quale venivano previste nuove modalità di riscossione alternative al denaro contante, promuovendo l’utilizzo di carte di debito o prepagate e di altri strumenti di pagamento elettronico.

Invece si è deciso che al posto del contante, presso l’Agenzia delle Entrate, sarà utilizzata la nuova marca servizi, del tutto identica alla comune marca da bollo, con cui si pagheranno ad esempio i tributi ipotecari e catastali relativi a diverse operazioni:

  • visura catastale e ipotecaria
  • ispezione catastale
  • rilascio di copie e certificazioni
  • volture catastali

marca servizi

La marca andrà apposta sui modelli di richiesta e sulle domande di volture presentati, i cui fac-simile sono disponibili sul sito internet dell’Agenzia.

La novità riguarda circa 4,6 milioni di visure e 3,1 milioni di ispezioni ipotecarie che vengono rilasciate ogni anno dall’Agenzia e circa 850mila domande di volture presentate dai cittadini.

La nuova “marca servizi” è già disponibile presso le rivendite di generi di monopolio e di valori bollati, ma fino al 31 dicembre è solo facoltativa.

COS’È LA MARCA SERVIZI

La nuova marca servizi” funziona allo stesso modo della comune marca da bollo: può essere utilizzata per i tributi relativi alle operazioni di visura, ispezione, rilascio di copie e certificazioni, nonché per le volture catastali.

DOVE APPORRE LA MARCA SERVIZI

La marca andrà apposta sui modelli di richiesta e sulle domande di volture presentati, i cui fac-simile sono disponibili sul sito internet dell’Agenzia.

QUANTO COSTA LA MARCA SERVIZI

Come la marca da bollo la marca servizi viene emessa del valore desiderato. Quindi, come la marca da bollo, prima dovrai recarti all’ufficio pubblico per sapere quanto costa il servizio, poi andrai dal tabacchino per farti emettere la marca servizi del valore esatto richiesto dall’ufficio, dove poi tornerai per completare la tua istanza.

Una nuova marca: per i servizi dell’Agenzia delle Entrate creata la marca servizi ultima modifica: 2017-12-08T12:11:05+00:00 da admin-Salvatore

Rispondi a Una nuova marca: per i servizi dell’Agenzia delle Entrate creata la marca servizi – Blogs da seguire Annulla risposta

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.