Quando la marca da bollo genera comportamenti paranoici

appalto truccato

Secondo me ha veramente dell’assurdo la notizia che ho letto sul sito benevento.ottopagine.net relativo ad una inchiesta per un appalto truccato per la gestione della pubblica amministrazione .

In breve un imprenditore avrebbe illecitamente aperto le buste con le offerte, per scoprire quale fosse il ribasso indicato dalla ditta concorrente e, conseguentemente, adeguare il proprio, così da farlo risultare il migliore. . Tutto ciò per sostituire quella presentata inizialmente con una ‘diversa offerta’ in grado di imporsi sull’altra .

L’appalto è per una cifra non indifferente: 2 milioni e 700mila euro . Una cifra che se anche non giustifica il gesto, reato penale, fa intuire i motivi per cui un imprenditore, magari in difficoltà economiche, lo compie .

L’assurdo è presentato da un piccolo particolare che è venuto fuori nel corso delle indagini.

Per partecipare ad un bando milionario, 2-700.000 euro, pare che l’imprenditore abbia utilizzato una marca da bollo staccata da un altro documento ed apposta sulla nuova offerta, opportunamente ribassata dopo aver conosciuto quella della ditta concorrente.

Un nuovo documento, dunque, che sarebbe stato stampato successivamente alla chiusura ufficiale delle buste e sul quale sarebbe stata sistemata una marca da bollo datata giugno 2009 che sarebbe stata rimossa da un certificato del casellario giudiziale intestato allo stesso imprendirore.

Per un appalto da quasi 3milioni di euro ha pensato bene di riciclare una marca da bollo da 14,62 euro (era il 2010, prima del recente aumento).

E’ facile pensare che lo abbia fatto anche in occasione dell’offerta ufficiale, quella che nessuno avrebbe dovuto vedere.

E se non avesse compiuto il reato di sostituzione magari avrebbe perso la gara comunque perch’ ha voluto risparmiare 14 euro e spicci per una marca da bollo originale.

Se non è paranoia da marca da bollo questa.


Quando la marca da bollo genera comportamenti paranoici ultima modifica: 2013-10-05T13:49:32+00:00 da admin

Cosa ne pensi ? Lascia un commento